Logo

Leggere le carte

LEGGERE LE CARTE NAPOLETANE: ASCOLTIAMO LE CHIACCHIERINE

Sono in tanti che nel leggere le carte si affidano alle carte napoletane, le cosiddette chiacchierine. Più complesse nell’interpretazione rispetto ai tarocchi sono però molto precise, ma richiedono esperienza

Leggere le carte napoletane: ascoltiamo le chiacchierine

Leggere le carte napoletane

La cartomanzia è, dopo l’astrologia, la pratica divinatoria di maggior diffusione nel mondo. Le carte napoletane sono insieme ai tarocchi le carte più utilizzate nella divinazione. Le carte napoletane derivano dai tarocchi e nello specifico dagli Arcani Minori, da cui si differenziano per la mancanza dell’otto, del nove e del dieci. Sono composte da coppe, denari, bastoni e spade per un totale di 40 carte. Nonostante siano in molti a pensare che la divinazione con le carte napoletane risulti essere più facile rispetto ai tarocchi, la loro interpretazione è invece più complessa e il saperle leggere presuppone una grande esperienza e preparazione. La tradizione esoterica sostiene addirittura che i segreti della loro interpretazione vengano tramandati da maestra ad allieva. Ma cosa le differenzia dai tarocchi? Le carte napoletane possono essere più dettagliate e precise rispetto alle altre carte impiegate nelle divinazione. Vediamole in dettaglio.

 

Il significato delle carte napoletane per seme

  • Coppe: rappresentano le emozioni, i sentimenti, l’amore, la gentilezza, la fecondità. Corrispondono all’elemento acqua e al principio femminile.
  • Bastoni: rappresentano la vita, il corpo, l’azione. Da sempre rappresentati possenti e ricchi di germogli, simboleggiano il lavoro, gli scambi commerciali, la produzione, gli studi. Corrispondono all’elemento fuoco e al principio maschile.
  • Denari: rappresentano i soldi, l’apprendimento delle nuove tecniche, la bellezza materiale, l’amore degli agi e dei proprio comodi. Vengono associate alla terra ma anche all’aria in virtù del loro aspetto commerciale, caratteristica dei segni d’aria.
  • Spade: rappresentano le battaglie, i conflitti, le perdite e i sacrifici. Associate dalla tradizione all’elemento aria possono essere associate anche al fuoco poichè le figure richiamano sempre scenari di battaglia e sentimenti estremi tipici dei segni di fuoco

 

Il significato delle “carte di corte”

Cavalieri, Re e Regine rappresentano invece figure con una loro personalità, e caratteristiche diverse a seconda del seme.  

  • I cavalieri rappresentano uomini giovani e simboleggiano l’energia in movimento, la novità.
  • I re rappresentano uomini anziani, saggi, autorevoli, l’uomo amato o lo stesso consultante.
  • Le regine rappresentano la donna amata se il consultante è uomo, ma possono rappresentare la consultante stessa se a fare il consulto è una donna.

Ogni carta va interpretata naturalmente a partire dalle carte che le si dispongono intorno, qualunque sia il metodo utilizzato. Ecco quindi che delle carte di coppe possono acquisire un significato diverso se circondate da carte di spade che ne alterano il significato. Chi si appresta a leggere le carte deve quindi osservarne innanzitutto la disposizione e le diverse combinazioni.